Proposta Linea ATAC 34

4072_34montedelgalloLa scrivente associazione culturale CeSMoT – Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti a seguito di numerose segnalazioni avute sui disservizi della linea 34 (Via Crescenzio – Monte de Gallo) , ha potuto verificare, a seguito di analisi e studi quanto segue:

1) a partire dall’inizio del mese la linea non raggiunge più il capolinea di Via Monte del Gallo, limitando la corsa in Via Gregorio VII altezza Via Monte del Gallo.

2) In conseguenza di ciò risultano essere sospese le fermate 72348,72360,72346,72364,72343 con conseguenti disagi per l’utenza, specie persone anziane

3)  Tale limitazione è stata ufficialmente comunicata da ATAC solo in data odierna.

4) Tale limitazione sembra essere dovuta al mancato rinnovo del contratto con la Società Giovi Srl, proprietaria delle vetture tipo Iveco 65C14 Cacciamali Urby (matricole 4071 – 4077, lunghezza 7,5 metri) utilizzate oltre che su tale linea anche sulle linee 087 e 089. Da verifiche effettuate, in data odierna, risultavano in servizio la vetture 2059 sul 34, la 1751 sullo 087 e la vetture 2029 sullo 029, tutte in carico alla Rimessa Magliana. Tutto ciò  conferma, de facto, il mancato utilizzo degli Urby, impiegate sulla linea 34 per ragioni di opportunità dovute alla presenza di auto in sosta su Salita Monte del Gallo che renderebbero difficoltosa la svolta per altri tipi di vetture.

Al fine di mitigare i disservizi all’utenza, in considerazione del fatto che Via Monte del Gallo si sviluppa interamente in salita, abbiamo valutato alcune alternative per una gestione provvisoria, in attesa di una soluzione definitiva, fermo restando che, in una situazione di carenza in ATAC di vetture corte appare poco lungimirante distogliere 3 vetture da altre linee.

1) Creazione di una linea 34/ circolare: fermo restando la limitazione del 34 , è possibile attivare una navetta , su cui, per le caratteristiche del percorso,  possono essere utilizzati veicoli di tipo M1 (Iveco Daily) come già avviene sulla linea 662. Il percorso ipotizzato, con capolinea unico in Via Monte del Gallo è il seguente: Via Monte del Gallo, Via Gregorio VII, Via di Porta Cavalleggeri, inversione di marcia con svolta a sinistra altezza Via della Stazione Vaticana, Via di Porta Cavalleggeri, Via Aurelia, Via di Porta Cavalleggeri, Via Gregorio VII,inversione di marcia, Via Gregorio VII, Via Monte del Gallo, Salita del Gallo, Via Monte del Gallo. Le fermate previste sono quelle già attive per la linea 34, ivi comprese le 6 provvisoriamente sospese. In alternativa potrebbe essere possibile l’utilizzo dei BredaMenariniBus Zebra (6830 – 6831) previa verifica sulla durata delle batterie

2) Utilizzo su tutta la linea delle vetture serie Autodromo Alè (1750 – 1799) oppure IvecoA59E12Cacciamali Thesi (1815 – 1820) aventi la stessa lunghezza degli Iveco Urby. L’utilizzo dei Cacciamali Thesi, attualmente non utilizzati per il servizio di linea, permetterebbe di non distogliere vetture corte da altre linee.

3) Istituzione del divieto di fermata su ambo i lati della strada in Salita Monte del Gallo, con installazione di appositi dissuasori. Da verifiche sul posto si è potuto infatti verificare che, al di là della ristretta sede stradale, è proprio la sosta delle autovetture a rendere difficoltoso il transito degli autobus. Fermo restando l’impossibilità di utilizzare vetture da 12 metri, tale soluzione permettere di utilizzare con tranquillità le vetture Irisbus 203.7.13 Europolis Cacciamali  da 9 metri o , previe verifiche tecniche, l’utilizzo degli Autodromo SITCar da 10 metri.

4) Cessione della linea al consorzio Roma TPL il quale ha nel parco aziendale vetture corte e furgoni che ben si adatterebbero al servizio sulla linea citata (come ad esempio Irisbus Iveco Heuliez GX 137)

Si sottolinea infine la necessità di spostare il capolinea da Via Crescenzio verso  Piazza Risorgimento al fine di favorire un interscambio con la linea A della metropolitana.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.