MOBILITA’, CESMOT: “SEMPRE BELLO SENTIRE PARLARE DI TRAM A ROMA”

“Sentir parlare di tram a Roma è sempre una notizia positiva, e ci auguriamo che le anticipazioni odierne di poter rivedere le “storiche” vetture marciare sui binari del 3 e di amminare i moderni jumbotram tra Largo Argentina e Termini sulla linea 8 possano diventare una concreta realtà”.

Lo dichiara il CeSMoT, Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti, a commento delle novità annunciate oggi per la rete tramviaria romana.
“Fino ad oggi abbiamo sempre parlato di “desideri” – prosegue il CeSMoT – di quello che ci piacerebbe avere finalmente a Roma, e ci auguriamo di poter a breve vedere investimenti concreti e non più soltanto operazioni, come quella di via Flaminia, che darà senza dubbio un nuovo aspetto alla linea 2, ma sostanzialmente non cambierà nulla alle potenzialità e all’assetto della linea stessa”.
“A Roma – puntualizza il CeSMoT – servono nuove linee capaci di essere integrazione e complemento della rete tramviaria. O ancora meglio parte di una rete ferro-metro-tramviaria, così come accade nelle città del nord Europa, dove i tram viaggiano indistintamente su strada, su sede riservata e sulle linee ferroviarie. Un progetto che permetterebbe un nuovo slancio verso una mobilità dolce, ecologica, rapida e capillare, unica soluzione contro smog e traffico”.
“I pendolari attendono fiduciosi che il Comune investa veramente sul tram – conclude il CeSMoT – perché per far muovere Roma non bastano solo bus e taxi e parcheggi di scambio, ma un servizio moderno ed efficace”.
25 marzo 2010

—-
Ufficio Stampa CeSMoT
Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti
a cura di Comunicazione 2.0

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.