Comunicato Stampa – CeSMoT, Buon Compleanno Metro A, 37 anni tra speranze ed occasioni mancate

IMG_0084Il 16 febbraio 1980, dopo anni di attese rinvii e disagi, dopo che i primi cantieri erano iniziati nel “lontano 1963, apriva finalmente all’esercizio la linea A della metropolitana, che, da quel giorno, avrebbe rivoluzionato la mobilità cittadina, mettendo rapidamente in collegamento il quartiere Prati con Piazza di Spagna, Termini, l’Appio e i quartieri della Tuscolana.  Purtroppo, a distanza di 37 anni, non possiamo fare a meno di riflettere sulle occasioni mancate per la città di Roma. Occasioni mancate in quanto la Linea A per anni è stata un “unicum” , tanto che si dovrà attendere il 1990 per vedere espandersi nuovamente la rete “sotteranea” con l’apertura del prolungamento Termini – Rebibbia della Linea B della metropolitana, mentre, per quanto riguarda la Metro A, solo nel 2000 vedrà spostare il capolinea da Ottaviano a Cornelia, a servizio dei quartieri a nord ovest della città. In tutti questi anni, nonostante i numerosi progetti e le tante parole, a Roma stenta a decollare una vera e propria cura del ferro, e la stessa Linea A della metropolitana attende di vedere realizzati i necessari prolungamenti a nord verso Boccea ed a Sud verso Morena e Ciampino. Non si riesce a comprendere come mai solo a Roma sembri essere così complicato realizzare nuove metropolitane, come mai solo a Roma, Metro C docet, i costi di realizzazione aumentino in maniera esponenziale. Senza dimenticare le proteste, più o meno strumentali, di finti ecologisti, pronti alle barricate se un cantiere tocca due o tre cespugli, o rischia di dover “spostare” qualche “antico vaso” dimenticato , ma pronti ad ignorare i danni prodotti dal traffico privato. Roma ha necessità di una vera cura su ferro, che integri , in maniera complementare Tram e Metropolitane. 37 anni fa, con l’apertura della metropolitana, si pensionò, forse frettolosamente, ciò che restava dell’antica rete delle tramvie dei castelli, dimenticando che, mentre in effetti la Linea Termini – Cinecittà era coperta dalla metropolitana (sebbene ancora oggi troviamo un bus San Giovanni – Cinecittà in sovrapposizione, per la gioia dei “portoghesi” ) , la tratta per Capannelle, sospesa già nel 1978, poteva essere ammodernata e recuperata. Un poco la stessa storia accaduta quando, con l’apertura della Metro C ATAC ha pretestuosamente ed arbitrariamente, complice il sonno apatico della Regione Lazio, sospeso la tratta ferroviaria Centocelle – Giardinetti adducendo “fantasiose” sovrapposizioni.

La speranza è che, finalmente, si impari dagli errori del passato e si smetta di inseguire fantasiose funivie o improbabili modalità di trasporto alternativo, che si ricordi che Roma, con i suoi 7 colli non è una città da percorrere totalmente in bicicletta, stile Amsterdam e che si torni a progettare ed ad investire sulle metropolitane e più in generale sul trasporto su ferro, abbandonando le scuse puerili fino ad oggi addotte per “non fare” nonché le barricate politiche ed ideologiche per le quali se un’opera è proposta dalla parte politica avversa automaticamente è da scartare. Se la politica persegue il bene comune nonché segue e controlla minuziosamente tutte le fasi , dal progetto in poi, si eliminano sprechi e ruberie. E si dota la città di un TPL efficace ed efficiente

In attesa dell’apertura delle nuove tratte della Linea C e sul finanziamento dei prolungamenti per la Linea A, desideriamo fare gli auguri alla “linea arancione” che il 16 febbraio spegnerà le 37 candeline e che in questi anni è diventata compagna insostituibile di viaggio di romani e turisti. E, il nostro grazie, oltre agli uomini ed alle donne di ATAC, macchinisti, DCT, agenti di stazione, operai  e personale delle officine che ogni giorno lavorano per garantire il servizio alla città, va anche a chi, quel 16 febbraio 1980, rese possibile l’avvio del servizio, consapevole, forse, di scrivere una piccola pagina di storia del trasporto romano. Infine, il nostro doveroso ricordo va anche al “tram blu dei castelli” che passò il testimone proprio alla metro, chiudendo l’esercizio alle 14:20 del 15 Febbraio 1980, dopo un’ultima affollatissima corsa di commiato.     

 

Omar Cugini

Presidente CeSMoT – Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti

Share Button

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>