Comunicato Stampa – CeSMoT: bene sperimentazione priorità semaforica per tram,ma occorre investire seriamente sulla cura del ferro

9220_8argentinaApprendiamo che da oggi a Roma è partita,anzi è ripartita,la sperimentazione della priorità semaforica sulla linee di tram 3 ed 8. Finalmente anche la città di Roma entra “nel futuro”e si adegua a standard già in uso da lungo in altre città che permettono di regolarizzare la marcia dei mezzi pubblici. Tale sistema, oltretutto,non è neanche una novità a Roma in quanto negli anni ’90 venne installato sull’allora linea 225 (attuale 2) salvo poi venire misteriosamente abbandonato. Come CeSMoT ,oltre ad auspicare estensione di tale sistema anche alle altre linee, riteniamo che a Roma manchi ancora la volontà di investire seriamente sulla cura del ferro,unico vero rimedio al Mal di Traffico. Finora abbiamo ascoltato tanti proclami,tante parole al vento, ma di concreto non solo non si vedono interventi (anzi,neanche si è provveduto a riaprire la pretestuosamente chiusa ferrovia Centocelle – Giardinetti) ma nemmeno si è pianificato un rinnovo della flotta tramviaria,formata anche da mezzi con oltre 60 anni di servizio. Auspichiamo,per il futuro,che la cura del ferro non resti confinata alle buone intenzioni ma diventi un qualcosa di concreto è reale,per una città più vivibile.

Share Button

Comunicato Stampa – CeSMoT, con B+ finalmente in ATAC arriva il progresso

3152lidocentro“Quando nel resto del mondo si iniziano a sperimentare nel campo del tpl le tecnologie del futuro a Roma finalmente usciamo dal medioevo. Dopo aver scoperto,con B+, il nuovo sistema di acquisto biglietti, le nuove tecnologie integrate di bigliettazione e pagamento telematico e dematerializzato, già in uso da anni in altre città tra cui Milano,finalmente forse il nuovo management atac scoprirà anche che per fare trasporto pubblico servono bus. E magari moderni, ecologici e capienti. Poi, forse dopo, si potrà accennare ai fondamenti di tram e metropolitane. Se il Presidente Simioni pensa che basti dematerializzare i titoli di viaggio per fidelizzare la “clientela” ed aumentare i ricavi vuol dire allora che fino ad ora non é stato messo al corrente della situazione prossima al collasso del TPL romano,che soffre di una cronica carenza di vettura nonché di una generale obsolescenza del parco attuale mezzi. Come CeSMoT attendiamo perciò passi concreti per un rilancio del TPL romano”

Share Button